Scuola

La grafologia è un supporto utile per gli operatori scolastici in tutti quei casi dove la scrittura dei bambini rivela difficoltà che possono essere semplicemente redazionali ma spesso nascondono problematiche psicologiche di natura anche ambientali e relazionali.

Il soggetto può considerarsi disgrafico quando la scrittura presenta uno o più di questi elementi:

  • scarsa leggibilità;
  • lentezza e stentatezza;
  • disorganizzazione delle forme e degli spazi grafici;
  • scarso controllo del gesto;
  • confusione e disarmonia;
  • rigidità ed eccessiva accuratezza;
  • difficoltà nell’atto scrittorio in presenza di crampi o dolori muscolari;

Questo è un settore della grafologia che interessa prevalentemente l’infanzia e l’età evolutiva dove operano grafologhi con particolari competenze.
Questo settore della grafologia si occupa dello studio dell’attività grafica nel corso dell’infanzia e dell’adolescenza, individuando i passaggi e le trasformazioni che preludono la strutturazione della personalità. Attraverso lo studio dell’evoluzione grafica e della personalità emergente dal grafismo è possibile indirizzare l’adolescente ed il giovane verso la scelta di un campo di studio che corrisponda non solo ai suoi specifici interessi, ma anche alle sue caratteristiche intellettive e temperamentali. Il grafologo deve acquisire una adeguata preparazione per operare in questo settore perché non si possono applicare ai ragazzi gli stessi criteri utilizzati nell’analisi grafologica degli adulti.

A.N.G.R.I.S.-Ass.Naz Grafologi Rieducatori della Scrittura